ANDREA STERPA arte

bio / works / biblio / exhibitions / blog

Archive for April, 2013

“City Mail”, arrivano Bruxelles, Berna ed Amsterdam

Oggi sono tornate indietro le buste spedite ad Amsterdam, Berna e Bruxelles. Tutte riportano il lavoro delle poste dei tre Paesi, Olanda, Svizzera e Belgio e dunque le opere sono giunte a compimento.

Amsterdam

Berna

Bruxelles

“Alfa Beto Muto”, ha veramente inizio la fase numero due di Memory

alfabeto muto
Alfa Beto Muto
acricilio, smalto, olio, collage, vinavil e materia su tela
dimensioni 100×120
anno 2013

io

DSC03118

DSC03119

DSC03120

DSC03121

DSC03122

“Hybrid Identities” 5^ edizione del FIVAC Festival di Camagüey a Cuba

001

Dal 24 al 28 aprile prende si è svolta la manifestazione “Hybrid identities” promossa e organizzata da Luca Curci per l’International ArtExpo. La mostra si è inserita nel più ampio scenario della 5^ edizione del FIVAC Festival di Camagüey a Cuba, all’interno della rassegna “The Next Resistance”.

Cuba è stata per 5 giorni protagonista di una rassegna d’arte contemporanea che tra lavori fotografici, di video arte, computer grafica, architettura e performance ha visto la partecipazione di circa 160 artisti provenienti da America, Europa, Asia, Africa e Oceania. Alla manifestazione di quest’anno sono state presentate 456 opere provenienti da 35 paesi diversi.

Andrea Sterpa ha partecipato alla rassegna “Hybrid Identities” nella sezione video arte con il video “Identity Under Constructor”. Realizzato nel 2011, della durata di 2 minuti e 4 secondi, il video intende, in chiave introspettiva, richiamare lo sguardo attento del fruitore, verso i timori, le paure e gli ostacoli che nascono dal proprio IO e che, con sofferenza e difficoltà, tentiamo costantemente di eludere, superare, combattere. Convivenza e rassegnazione, ma anche speranza di eludere quel cerchio misterioso che ci avvolge e dal quale non riusciamo ad emergere. La speranza di una nuova identità in costruzione.

001

Guarda il video/Watch the video

Andrea e Alessandra

374541_10200486236149912_149949951_n

Io e mia moglie col pancione alla mostra 5elementi5

“Factory”

001

“Factory”
tecnica mista su legno
dimensioni cm 70×70
anno d’esecuzione 2013

Semplicemente “EXIT”

EXIT
“EXIT”
acricilio, smalto, collage e materia su tela
dimensioni 50×50
anno 2013

“Archives”, l’ultimo arrivato

archives
“Archives”
acricilio, smalto, collage e materia su tela
dimensioni 50×50
anno 2013

5elementi5 fa il bis

Wood_40x40_2013_AndreaSterpa

La mostra 5elementi5 si replica, questa volta si passa dalla periferica cornice della ex Cartiera Latina al centro di Roma, a due passi da Via Arenula nella galleria d’arte Spazio MostrArti in Via Santa Maria in Monticelli 66. La collettiva d’arte contemporanea prenderà il via l’11 maggio e sarà fruibile fino a giovedì 30 maggio. Read the rest of this entry »

Concorso Shingle22j

shing-bando

Andrea Sterpa aderisce alle selezioni del concorso Shingle22j per la partecipazione alla IV Biennale di Arte Contemporanea di Anzio e Nettuno. Il tema centrale della manifestazione è la donna che viene richiamata nel titolo che l’accompagnerà, “Donna, Prodotto e Produttrice”.

Da giugno in poi partiranno le selezioni per la mostra evento che avrà luogo a settembre.

Painting Mail – la busta della Panini

134_st_19x15

Il progetto “Painting Mail” è stato racchiuso in un lasso di tempo di 3 anni, dal 2001 al 2003 con la realizzazione di circa 300 opere di pittura e collage su busta da lettera. Alcune di queste buste sono andate distrutte, altre sono state riciclate per comporre opere in anni successivi, alcune sono state archiviate qui sul blog e sono disponibili per la vendita. Quale memoria giunge più rapidamente in ogni angolo del globo se non una busta postale con su impresso il racconto di una storia, di un frammento, di un ricordo. Memorie che vagano di nazione in nazione, di persona in persona. La mia scelta è stata in primis quella di preservare il più possibile la memoria postale con la salvaguardia di timbri, scritte, francobollo, ed ecco perché il mio intervento è solo raramente invasivo, lasciando spazio a pochi gesti, piccoli collage, tenui interventi, minimalismo, gesti, scritte … memorie, appunto.

In questa memoria postale nella foto, realizzata nel 2001, in particolare, il gesto è rappresentato da pochi segni lasciati a penna, schematici, netti, retti, con l’aggiunta di una “a” che mi rappresenta, che sta ad indicare il mio nome in quanto sia in età immatura che matura sono stato e sono tutt’ora un grande appassionato e collezionista di album e di figurine della società Panini. Questa memoria racconta la gioia nell’aprire una busta e poter finalmente completare un album a seguito della richiesta presso la Panini delle figurine mancanti.